Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Italia e UNODC rafforzano la collaborazione a sostegno del sistema penitenziario libanese.

Data:

18/06/2018


Italia e UNODC rafforzano la collaborazione a sostegno del sistema penitenziario libanese.

libano

Il 5 giugno 2018 l'Italia e l'Ufficio delle Nazioni Unite sulla Droga e il Crimine (UNODC) hanno firmato un nuovo accordo del valore di 500.000 Euro volto a sostenere gli sforzi di miglioramento delle condizioni di detenzione in Libano. L'accordo, che copre il periodo 2018/2019, segna il proseguimento della collaborazione tra Italia, UNODC e Libano in questo settore, portando il totale degli interventi finanziati dal nostro Paese dal 2015 a oggi a oltre 1,5 milioni di Euro.
L’accordo, firmato da Jean-Luc Lemahieu, Direttore del Dipartimento di Policy Analysis and Public Affairs di UNODC, e da Maria Assunta Accili Sabbatini, Rappresentante Permanente d'Italia presso le Organizzazioni Internazionali a Vienna, mira a migliorare le condizioni carcerarie e la fornitura di programmi di riabilitazione a favore dei detenuti, comprese la formazione professionale e le attività lavorative.
Intervenendo alla cerimonia di firma, il Direttore Lemahieu ha sottolineato che "un sistema carcerario efficace e umano è un prerequisito per assicurare un sistema di giustizia equo". Ha inoltre evidenziato gli sforzi intrapresi dal governo libanese e ha ringraziato l’Italia per il continuo sostegno.
"L'accordo conferma il convinto impegno dell'Italia nel promuovere la cooperazione con il Libano, uno dei nostri principali partner nel Mediterraneo" ha affermato l'Ambasciatore Accili Sabbatini, aggiungendo: "Siamo felici di continuare a collaborare con UNODC, la cui competenza e professionalità si sono già dimostrate preziose nelle precedenti fasi del progetto."


Luogo:

Vienna

Testata:

Rapponu

Autore:

Ufficio Stampa

377