Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

L’Amb. Cortese interviene al Sottocomitato tecnico e scientifico del COPUOS

Data:

07/02/2023


L’Amb. Cortese interviene al Sottocomitato tecnico e scientifico del COPUOS

Il Rappresentante Permanente presso le Nazioni Unite a Vienna, Ambasciatore Alessandro Cortese, è intervenuto ieri alla 60ma sessione del Sottocomitato Scientifico e Tecnico del COPUOS, il principale foro intergovernativo delle Nazioni Unite sul tema dell’uso pacifico dello spazio extraatmosferico che, con la recente adesione di Guatemala e Uzbekistan, conta ormai su 102 Stati membri e ben 50 osservatori.

Alla guida di una nutrita delegazione che ricomprende esperti dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), di enti accademici, dello Stato maggiore dell’Aeronautica e della Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’Ambasciatore Cortese ha preso la parola per sottolineare il ruolo di primo piano della comunità scientifica e imprenditoriale italiana nello sviluppo scientifico e tecnologico in campo spaziale e ribadire il perdurante impegno in favore dell’applicazione delle linee guida sulla sostenibilità a lungo termine delle attività spaziali.

Ricordata l’importanza di attuare l’Agenda “Space 2030”, che l’Amb. Cortese ha a suo tempo contribuito ad adottare come co-presidente del gruppo che ne ha negoziato il testo, anche in vista del Vertice sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile di settembre e del “Summit for the Future” del 2024.
Sul piano tecnico, è stata sottolineata la rilevanza delle attività di osservazione satellitare della Terra per affrontare le sfide poste dal cambiamento climatico e per comprendere e pervenire disastri naturali, tema particolarmente attuale alla luce del drammatico terremoto che ha colpito Siria e Turchia in questi giorni. Sono state quindi valorizzate le più recenti iniziative realizzate dall’Italia, fra cui la  partecipazione -con il satellite “LICIA CUBE”- alla missione DART (Double Asteroid Direcion Test) della NASA per raccogliere le immagini dell’impatto con l’asteroide colpito per devierne la traiettoria e il nuovo innovativo programma di ASI “ALCOR”, per lo sviluppo dei nano-satelliti.

amb cortese al copuos stsc

Iniziati lunedì 6 febbraio, i lavori del Sottocomitato si protrarranno per due settimane, fino al 17 febbraio. La delegazione italiana vi parteciperà attivamente, con due presentazioni tecniche di ASI sul satellite LICIA Cube e sul Programma di osservazione satellitare PRISMA. Sono inoltre previsti interventi su molti dei numerosi temi tecnico-scientifico all’ordine del giorno: Remote sensing, Space technology for sustainable development, Space weather, Long Term Sustainability, Near-Earth objects, Global Navigation satellite systems e Dark and Quite Skies.

 

L’Italia sarà inoltra protagonista di un “side event” organizzato venerdì 10 febbraio da AVIO e dall’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari dello spazio extra-atmosferico (UNOOSA) in occasione del quale verrà annunciato il partner dell’iniziativa “Access to Space 4 All” che beneficerà della possibilità di lanciare un proprio satellite in orbita sfruttando il vettore di AVIO “Vega-C”.

Sia i lavori del Sottocomitato che il side event sono trasmessi “live” al sito di UNOOSA: https://www.unoosa.org/oosa/en/ourwork/copuos/stsc/2023/index.html

 

60 stsc


628